[releases] afe130cd
fausto balbo: login

  Artist: Fausto Balbo
: Login
Format: CD in standard jewel box with transparent tray

Tracks: 11
Playing time: 66:12
Release date: October 2012
File under: Experimental / Avantgarde / DPOAE

Track List:

1.  Login  4:15

2.  Harvester of Bits  6:08

3.  Virus Scan  5:13

4.  Hardmysticmeeting  4:03

5.  Hi Mr. Kemp  1:39

6.  My Chatroom... My Life... My Distress  5:55

7.  Bird's Room  3:46

8.  Clozier's Room  2:50

9.  Walkin' With Klaus  5:55

10.  Fake Reality - Logout  8:37

11.  Will Future Man Develop a Third Ear?  17:46



"When, years ago, I read Herman Hesse's "Steppenwolf" I was struck by a part of the novel... Harry Haller, the main character, is walking through a passage with endless doors. As he opens each door he is thrown into a new, unknown, mysterious dimension; a life between the real and the virtual world.

"Login" is an imaginary journey through the web, where one can explore new realities - or different views of well known stuff - on a thin line between truth and fiction.

For this sound project I've used only a modular virtual synth: the swedish Nord Modular G2 (Clavia), in its free software version. With regard to the hardware version, it's monophonic and missing some modules: FM operators, Internal CC MIDI generator, Vocoder and inputs for external signal processing. With some creativity you can experiment with unlimited combinations to obtain a huge variety of different sounds.

To describe this sound trip I've tried to recreate soundscapes from several eras: the pioneers of electronic music with their multiple shades, 1970s Kosmische Musik, up to the "clicks" and "crackles" typical of our digital times.

The whole experience is infused with a bit of melody which, though suffocated, we usually search for with our overeducated ears.

In the tracks "Hi Mr. Kemp" and "Will Future Man Develop a Third Ear?" I used DPOAE (Distortion Product Otoacoustic Emissions). Otoacoustic Emissions are spontaneous emissions inside the human ear; they are routinely utilized in hearing tests, through stimulus such as DPOAE.

Those with normal hearing, upon listening to these two tracks, should experience a sensation similar to a "buzzing", as though there was a mosquito inside their head - although less annoying and certainly not dangerous in any way.

For optimal listening, a room with little background noise and a layout as indicated in the diagram on the left is advised, without the use of headphones of any kind. Turning your head during playback, you can also experience a sensation of sound modulation."

Fausto Balbo's meandering trip through the web began long ago, so long ago in fact that once it used to open with the unmistakable sound of a modem dialing up. By now that modem has disappeared, obsolete and pointless due to advances in technology and speed in Internet connection.

However, for "Login", the artist didn't let himself get caught up in haste and kept working on his tracks until they reached the optimal point, found here in this CD.

Since this work is inspired by the Internet, it is worth noting that all sounds were created exclusively using a single downloaded free software.

Along the way, Fausto discovered the marvels of DPOAE and now - as if the rest wasn't enough - it's time for us to be impressed by the sonic inputs of those two particular tracks which seem to generate inside ourselves and then surround us in a thick sensory spiral.

Few musicians in Italy can display a knowledge about sound matter that equals the one expressed by Fausto Balbo in this work: though his research will continue as always, this CD is a milestone of great value.


"...The conceptual background illustrates the evolutive and genetic system of information in an excessively developed human culture where the virtual, the simulacrum are intertwined in the empirical-sensitive reality. The specific musical tapestries offered by "Login" sonically approach sounds matrixes and the fractal energies which prevail in the “deterritorializing” process. The musical plan is spherically sonorous and significantly timbral, inviting the listener to be absorbed into an exclusive and singular phenomenological sound experience: affective projections and entranced-neurotic attraction... "Login" can be considered as a pinnacle of experimentation in contemporary electronic music, constantly fascinating with deeply moving sound metamorphosis. A revolutionary “rhizomatic” and sonic instrumental approach. A very peculiar and tremendously lysergic sounding quality in the world of kinetic-process music. Absolutely recommended."
Igloo Magazine [more]

"Cool experimental sound compositions from Italy's Fausto Balbo... "Login" is an intriguing album because it not only presents sound as music...but it also incorporates some very slight musical elements into the equation that give listeners the ability to follow some concrete subtle melodies while their minds are being expanded. This fellow is obviously on top of his game and knows how to use technology to his advantage. Super smart and inventive music from another dimension... TOP PICK!"
BabySue [more]

"...Hinter "Login" steckt Harry Hallers Taumel durch das Mysterientheater in Hermann Hesses "Steppenwolf", wobei Balbo das als Update im Web mit seiner 'Fake Reality' und virtuellen Räumen wie dem "Bird's Room" und "Clozier's Room" inszeniert. Wenn ich darin eine Hommage an Christian Clozier vermuten darf, den Mitbegründer der Groupe de musique expérimentale de Bourges, dann in "Walkin' With Klaus"' einen Spaziergang mit Klaus Schulze? Bei "Hi Mr. Kemp", wahrscheinlich einem kurzen Gruß an Andrew Kemp und dessen Quantum K-Projekt, und dem auf fast 18 Min. ausgedehnten finalen "Will Future Man Develop a Third Ear?" benutzte Balbo dann DPOAE (Distorsiv produzierte otoakustische Emissionen), Verzerrungsprodukte, wie sie diagnostisch bei Hörtests verwendet werden, die einem hier insektoid um die Synapsen sirren. Ihre Tauglichkeit als Mittel der Irritation und als Transporter der Imagination kann ich dieser Elektronik mit einem 'befriedigend' bestätigen..."
Bad Alchemy [more]

"...Fausto Balbo präsentiert mit "Login" eine beeindruckende Reise ins World Wide Web, die aufgrund ihrer Intensität, Detailliertheit & Eigenständigkeit besticht – meine absolute Empfehlung! "Login" zeigt übrigens perfekt den Unterschied zwischen sinnlosem Krach und komponierten "Lärm" wie in Fausto Balbo kredenzt."
Kultur Terrorismus [more]

"...Alcuni giri armonici, di sequencer, linee di basso, alcune strutture e progressioni sono infatti assolutamente straordinarie e toccanti, come ad esempio in "Harvester of Bits", "Virus Scan", o ancora di più nell'esaltante "Hardmysticmeeting", o nella "nostalgica" (per così dire) "camminata con Klaus" della nona traccia, ma non sempre trovano lo "spazio fisico e temporale", l' "aria", la "rilevanza strategica" che meriterebbero; oppure, a volte, vengono "sacrificate" prematuramente a preponderanti miscele elettronico-rumoristiche... In sintesi, debbo dire che di fronte a tanta banalità che circola in ambito elettronico-sperimentale, nonostante la mia personale scarsa empatia verso sonorità d'impronta spiccatamente elettronica, la "genuina" e ispirata ricerca "sperimental-emotiva" di Fausto Balbo merita un gran plauso, e questo "Login" rimane una tra le scoperte più interessanti di questo 2012."
Oltre il Suono [more]

"Login" is a journey through space and time. Fausto Balbo, using a limited instrumentarium, has devised a series of pieces that take us from pioneering electronic music to kosmische musik, glitch, ambient, and experimental music ... This is solid stuff."
Monsieur Délire [more]

"...Disturbi di frequenze e sibili elettronici sono le fondamenta della metamorfosi sonora di un artista che può vantare un'evoluzione davvero singolare. Rispetto alla collaborazione con Andrea Marutti ("Detrimental Dialogue") si ha l'impressione di imbattersi in una visione più ampia con emissioni otoacustiche - "Hi Mr. Kemp" e "Will Future Man Develop a Third Ear?" - e drammatici ronzii che accompagnano le progressioni create con il Nord Modular G2. "Harvester of Bits" e "Hardmysticmeeting" i brani più accessibili di un progetto di complessa assimilazione che rasenta l'avanguardia."
Dagheisha [more]

"...Sviluppandosi da questi presupposti, "Login" si dimostra un coacervo di suoni inorganici cesellati con precisione matematica, che spaziano liberamente dal citazionismo pionieristico (Grossi, Schaeffer, Xenakis) al riuscito omaggio alla kosmische musik di "Walkin' With Klaus" (Schulze, ovviamente), passando per ogni sorta di ipotesi uditiva venga contemplata in questa rigogliosa sede. Comprese tracce sparse di glitch e microelettronica moderna che vengono assemblate con gusto e cognizione di causa..."
Onda Rock [more]

"...L'elettronica di Balbo è rabdomantica nel senso che si aggira zoppa alla ricerca di una forma propriamente musicale, e te la fa intuire, te la fa immaginare, restando sempre orgogliosamente al confine tra concreta pura e suono orientato/organizzato. Come già abbiamo avuto occasione di sottolineare, è questo un ambito inflazionato e rischioso, ma il nostro sa bene come costruire i suoi materiali e il risultato, per quanto apparentemente anche di base, riesce a suonare freschissimo e godibile..."
SentireAscoltare [more]

"...Progetto sonoro, incontro cibernetico di innesti e impianti, mondo reale (coscienza) – mondo virtuale (il mezzo, lo strumento, il Nord Modular G2), a fondersi successivamente, a penetrare fin dentro le carni. Pionierismo e futurismo. Astrazione e immaginario. Elettricità sintetica e attento studio della modulazione sonora. Tsukamoto e il professor Balbo. Potrebbe essere il titolo del viaggio. Album ricerca. Fino all'utilizzo di prodotti otoacustici di distorsione in una stretta finale altissima e lunga quasi diciotto minuti. Fausto Balbo: l'ultimo corriere."
Nerds Attack [more]

"...è dannatamente difficile scrivere di un disco come questo, che parte da un intento programmatico decisamente severo... Per realizzare il disco l'autore si auto-impone la scelta di usare solo il Nord Modular G2, nella sua versione free software e approda, attraverso di esso, in molteplici territori che vanno dall'ambient quasi Jarriana al noise passando per paesaggi perfino danzerecci e musica contemporanea. Ciò che resta costante è la materia sonora, quel synth vintage che Balbo padroneggia con maestria e trascina attraverso queste inafferrabili undici tracce. Vengono ovviamente in mente i corrieri cosmici, ed un Klaus Schulze che, se indovino, è colui con il quale il Nostro passeggia nella nona traccia..."
Sound and Silence [more]

"...Balbo è un compositore di rara severità stilistica, che indaga come un segugio i recessi più oscuri della nostra mente, questa volta attraverso un concept dedicato a internet e - presumibilmente - al nostro rapporto, sempre più morboso, con la tecnologia. Il suo lavoro ha qualità "psicologiche" non comuni, e gli si perdona un'osticità abbastanza marcata, anche perchè viene più volte il dubbio che la difficoltà ad addentrarsi in questa giungla di gangli accuminati e suoni perforanti (in particolare il lungo drone finale) dipenda più dalla paura di noi stessi che dall'estremismo di un compositore pantagruelico. Fausto Balbo riesce, insomma, a raccontare molto attraverso suoni apparentemente poco distinguibili e "Login" è sicuramente un disco a lunga metabolizzazione, appartato nel panorama odierno e destinato a ripresentarsi ogni volta che sarà necessario..."
Blow Up [more]

"Se le onde cerebrali potessero avere un suono, sicuramente sarebbe quello di "Login", ultimo CD di Fausto Balbo, musicista piemontese, autore di un lavoro che viaggia liberamente fino ad utilizzare input sonori mai sperimentati prima, ovvero le emissioni distorte di prodotti otoacustici... Realtà e mondi virtuali si fondono, creando un'esperienza che parte dal web e dall'immaginario cibernetico, ed esplode in tutta la sua sonorità in un universo sconosciuto, ignoto. "Login" ci guida lungo “un corridoio di porte infinite”, dove vengono celati misteri, visioni e suoni differenti, un modo di provare emozioni e di osservare cose comuni da un'altra prospettiva..."
Extra! Music Magazine [more]

"..."Login" is pure experimental-like. It sounds like an exploration into the most hidden corners of electronic music. This composition is an expression of sound manipulations and often reminded me of the good-old years of analogue electronics where the creation of sounds sometimes appeared more important than composing a song properly speaking. But the least I can say is that Fausto Balbo takes his audience by surprise, revealing an impressive strength of sounds. I here and then noticed a few metal-elements (like the percussion on "Hardmysticmeeting"), but globally speaking this release is about minimalism and experimentations..."
Side-Line [more]

"...L'elettronica suonata da Balbo è personale e merita senz'altro attenzione per la qualità delle idee e la perizia della ricerca sonora. Prendendo spunto da Hesse il disco ha come tema quello della rete che ci fa accedere a mondi diversi, ed è stato interamente registrato col software di synth monofonico gratuito Nord Modular G2 demo, facendo uso in un paio di brani di emissioni otoacustiche, capaci di dare sensazioni "tridimensionali" al suono: un'esperienza che ho sperimentato prima di leggere alcunché sul disco, e che mi ha stupito e affascinato. Musicalmente ispirato dai corrieri cosmici riletti in un'ottica attuale, "Login" scorre velocissimamente tra idee e suoni sempre intriganti, atmosfere mai banali, ronzii e melodie (incredibile quella di "Walkin' With Klaus") per un disco maturo, interessante e godibile di pari passo con il suo peso specifico non indifferente..."
SodaPop [more]

"Cattura l'elemento visionario e tattile associabile al suono Fausto Balbo. La sua sperimentazione è un'abile opera artigianale capace di erigere impalcature di perfetto equilibrio giocando sulla diversità delle consistenze. La sua più grande intuizione sembra essere quella di far convergere in un giusto flusso alchemico tutta una gran serie di suoni prodotti dall'elettronica di per sé fastidiosi, starati, stridenti. Un'entropia ristabilita dal caos si potrebbe quasi pensare, un plasmare materia informe, un tentativo di rendere malleabile qualcosa che invece vuole resistere e che poi, nella sua lettura d'insieme, si rende gradevole, arrendevole, accattivante, straordinariamente armonico. L'idea di movimento, di interazione, di brulicante risveglio si nasconde in questa serie di stratificazioni compositive che ci trasportano verso una nuova percezione del rumore..."
Distorsioni [more]

"Login", undici brani, un'ora, Fausto Balbo è una macchina fuori controllo, un rocker senza chitarra, senza cassa, senza un ordine, un'aspirapolvere senza sacchetto, una radio senza antenna, una lavatrice in piena centrifugazione, cento coltelli, una pioggia di chiodi, un treno in corsa, il cosmo secondo Fausto Balbo, krautindustrialsampler (ciao Julian), l'ipnosi secondo Fausto Balbo, l'avanguardia a livelli sovrannaturali, tutto fuori controllo, tutto sotto controllo, bombe a mano, si salvi chi può, compreso Schulze e le sue stratosferiche pippe claustrofobiche che a confronto sono cazzettini rovesciati, mosci, preservativi usati, labbra rattrappite, il potere cibernetico, il rumorismo di "Login", i krauti a Cuneo, Berlino è morta. Fausto Balbo e il suo "Login", il web 2.0, la chiave della rete, fuori c'è il sole, fuori c'è Fausto Balbo..."
Rock On [more]